top of page

7 Cose che Dovresti sapere sull'Islam

Benvenuti nella sezione "Consigli" del nostro blog di viaggi!


Oggi esploreremo un argomento che spesso suscita molte domande e curiosità tra i viaggiatori di tutto il mondo: l'Islam. Questa religione, seguita da oltre due miliardi di persone in tutto il globo, svolge un ruolo fondamentale nella cultura e nella vita quotidiana di molte nazioni.


Se stai pianificando un viaggio in un paese a maggioranza musulmana o semplicemente desideri comprendere meglio le tradizioni e le credenze di altre culture, questo articolo è il punto di partenza ideale. Esploreremo sette concetti fondamentali che dovresti sapere sull'Islam per viaggiare in modo più consapevole e rispettoso.


1. PERCHÉ ABBIAMO BISOGNO DI CONOSCERE L'ISLAM?


Ritratto di uomo musulmano

Conoscere l'Islam è importante per diverse ragioni, che vanno al di là delle considerazioni di viaggio. L'Islam è innanzitutto la seconda religione più professata del mondo (dopo il cristianesimo). Sebbene l'Islam sia simile per molti versi al cristianesimo, la maggior parte della popolazione mondiale pensa che i musulmani siano spaventosi e che di loro non ci si possa fidare, credenze legate a importanti eventi terroristici. Questo stato di cose deve però cambiare e ciò può succedere solo grazie ad una comprensione più profonda. Bisogna porre fine alla spirale di paura, odio e violenza, generata dall'ignoranza. Questo non solo arricchisce la nostra esperienza personale, ma contribuisce anche a costruire un mondo più armonioso e inclusivo.


2. IN COSA CREDONO I MUSULMANI?


Corano

Nonostante una ricca diversità nella pratica islamica, ci sono cinque osservanze prescritte nel Corano che tutti i musulmani praticanti accettano e seguono. Questi “Pilastri dell'Islam” rappresentano il nucleo e il comune denominatore che unisce tutti i musulmani e distingue l'Islam dalle altre religioni. Seguire i pilastri dell'Islam richiede dedizione della mente, dei sentimenti, del corpo, del tempo, delle energie e dei beni.


A. Il primo pilastro è la DICHIARAZIONE DI FEDE. Un musulmano è colui che testimonia che "non c'è dio all'infuori di Dio e Maometto è il messaggero di Dio".


B. Il secondo pilastro dell'Islam è la PREGHIERA. I musulmani pregano cinque volte al giorno. La loro preghiera è sempre accompagnati da una sequenza di movimenti: in piedi, inchinandosi, in ginocchio, toccando terra con la fronte, sedendosi. Sia le recitazioni che i movimenti di accompagnamento esprimono sottomissione, umiltà e adorazione di Dio. I musulmani possono pregare in qualsiasi ambiente, da soli o insieme, in una moschea o a casa, al lavoro o per strada, al chiuso o all'aperto. Mentre si preparano a pregare, si rivolgono verso la Mecca, la città santa.


C. Il terzo pilastro dell'Islam è la PURIFICAZIONE; esprime l'adorazione e il ringraziamento di un musulmano a Dio sostenendo i poveri. Richiede un contributo annuo del 2,5% della ricchezza e dei beni di un individuo, non semplicemente una percentuale del reddito annuo. È un obbligo per coloro che hanno ricevuto la loro ricchezza da Dio di rispondere ai bisogni dei membri meno fortunati della comunità.


D. Il quarto pilastro dell'Islam, il DIGIUNO DEL RAMADAN, si verifica una volta all'anno durante il mese di Ramadan, il nono mese del calendario islamico e il mese in cui la prima rivelazione del Corano giunse a Maometto. Durante questo periodo di digiuno, i musulmani la cui salute lo consente, devono astenersi dall'alba al tramonto dal cibo, dalle bevande e dall'attività sessuale. La disciplina del digiuno del Ramadan ha lo scopo di stimolare la riflessione sulla fragilità umana e la dipendenza da Dio e concentrarsi su obiettivi e valori spirituali.

Al tramonto il digiuno viene interrotto con un pasto leggero, la colazione. Famiglie e amici condividono poi insieme una cena speciale a tarda sera che spesso include cibi e dolci serviti solo in questo periodo dell'anno. Molti si recano alla moschea per la preghiera della sera, seguita da preghiere speciali recitate solo durante il Ramadan. Alcuni reciteranno l'intero Corano (un trentesimo ogni notte del mese) come atto speciale di pietà, e per tutta la sera si possono ascoltare recitazioni pubbliche del Corano o dei canti.

Il mese del Ramadan termina con una delle due principali celebrazioni islamiche, la Festa della rottura del digiuno, chiamata Eid al-Fitr, che ricorda il Natale nel suo spirito di gioia, celebrazioni speciali e regali.


E. Il quinto e ultimo pilastro è il PELLEGRINAGGIO ALLA MECCA, in Arabia Saudita. Almeno una volta nella vita, ogni musulmano adulto che sia fisicamente e finanziariamente in grado, è tenuto a compiere il sacrificio di tempo, beni, status e comodità necessari per compiere questo pellegrinaggio, diventando un pellegrino al servizio di Dio.

La stagione dei pellegrinaggi segue il Ramadan. Ogni anno oltre due milioni di credenti che rappresentano un'enorme diversità di culture e lingue viaggiano da tutto il mondo alla città santa della Mecca per formare una comunità che vive la loro fede.


3. PERCHÉ L'ARABO È COSÌ IMPORTANTE NELL'ISLAM?


Moschea musulmana

Innanzitutto, l'arabo è la lingua in cui il Corano è stato scritto e rivelato, e per questo motivo è considerato sacro e intoccabile. Quindi, per i musulmani, l'arabo è la lingua diretta di Dio e rappresenta la forma più pura e autentica del messaggio divino. Anche se esistono traduzioni del Corano in molte lingue, i musulmani ritengono che queste non possano catturare completamente il significato originale e la profondità delle parole divine. Di conseguenza, gli studiosi religiosi e coloro che cercano di approfondire la loro conoscenza dell'Islam spesso imparano l'arabo per accedere direttamente al testo sacro.

Inoltre, l'arabo è la lingua delle preghiere islamiche. Indipendentemente da dove si trovino nel mondo, i musulmani si rivolgono a Dio nelle loro preghiere quotidiane sempre in arabo. Questo crea un senso di unità e connessione tra i musulmani di diverse nazionalità e culture, poiché tutti pregano utilizzando le stesse parole e lo stesso linguaggio.


4. CI SONO DIVISIONI NELL'ISLAM?


Sì, all'interno dell'Islam esistono diverse divisioni e correnti, che riflettono una varietà di interpretazioni, tradizioni e pratiche. Queste divisioni, per lo più religiose e culturali, possono variare però significativamente da una regione all'altra.

La principale divisione è tra sunniti e sciiti. Queste due correnti si differenziano principalmente per la loro interpretazione dell'eredità e della successione dei califfi dopo la morte del Profeta Maometto. I sunniti, che costituiscono circa il 85-90% della popolazione musulmana, ritengono che i califfi dovessero essere eletti dalla comunità musulmana. Gli sciiti, d'altra parte, credono che i califfi dovessero essere discendenti diretti del Profeta Maometto. Questa divisione ha dato luogo a sfumature di credenza e pratica religiosa, ma è importante notare che entrambi seguono le stesse fondamentali credenze islamiche.

Le divisioni nell'Islam possono anche essere influenzate da fattori culturali, politici e storici. Ad esempio, in diverse regioni del mondo islamico, come il Nord Africa, il Medio Oriente e il subcontinente indiano, possono emergere differenze culturali e pratiche religiose legate alla storia e alle tradizioni locali.

Gruppo di ragazzi musulmani

5. L'ISLAM È INTOLLERANTE VERSO LE ALTRE RELIGIONI?


Uomini marocchini

L'idea che l'Islam sia intollerante verso altre religioni è un argomento complesso che richiede una comprensione equilibrata. È importante notare innanzitutto che l'Islam, come tutte le principali religioni, non è un'unica entità omogenea ma comprende una vasta gamma di credenti con diverse interpretazioni e pratiche.

Nelle fondamenta dell'Islam, esiste un principio di tolleranza religiosa che è sostenuto da diversi passaggi del Corano. Ad esempio, il Corano afferma chiaramente che "Non ci sia costrizione nella religione", sottolineando che la fede deve essere una scelta personale e non può essere imposta. Questa idea di libertà religiosa è stata sostenuta da molti studiosi e leader musulmani nel corso della storia.

Tuttavia, è importante riconoscere che ci sono interpretazioni diverse del Corano e della tradizione islamica, e alcune di queste interpretazioni possono essere utilizzate per giustificare atteggiamenti intolleranti. Alcuni gruppi radicali o estremisti hanno poi distorto l'Islam per giustificare la violenza e l'intolleranza nei confronti di altre religioni. Tali gruppi non rappresentano l'intera comunità musulmana e sono ampiamente condannati dai leader religiosi e dagli studiosi musulmani moderati.


6. IL CORANO CONDANNA IL TERRORISMO?


Questo è il tipo di domanda che nessuno pone alla propria religione; lo conserviamo per gli altri!

Bambina marocchina

Sì, il Corano condanna il terrorismo!

Questa è una questione importante da chiarire perché ci sono molte idee sbagliate riguardo all'Islam e al Corano in relazione al terrorismo. Il Corano contiene insegnamenti morali, etici e spirituali, versi che promuovono la pace, la compassione, la giustizia sociale e la solidarietà.

Il terrorismo non è né giustificato né sostenuto dal Corano. Al contrario, il Corano condanna l'omicidio di innocenti.

In tutto il mondo, leader religiosi musulmani e organizzazioni islamiche si sono espressi contro il terrorismo e hanno cercato di educare le persone sulle vere credenze dell'Islam.

Quindi, è importante evitare generalizzazioni negative sugli insegnamenti dell'Islam in relazione al terrorismo e al radicalismo.


7. COM'E' LA SITUAZIONE DELLA DONNA IN MAROCCO?


Donna marocchina che lavora

In Marocco, le donne hanno compiuto notevoli progressi negli ultimi decenni, specialmente nelle grandi città. Molte donne marocchine occupano oggi ruoli importanti in settori come l'educazione, la sanità, il governo e il business. La partecipazione delle donne al mercato del lavoro è aumentata, e ci sono sempre più opportunità per le donne di perseguire l'istruzione superiore e le carriere professionali.

Tuttavia, è importante notare che ci sono ancora sfide significative che le donne devono affrontare in Marocco, soprattutto nelle aree rurali e più conservative.

Le questioni legate all'uguaglianza di genere, alla violenza domestica e alla discriminazione persistono in alcune comunità, anche se il governo marocchino sta lavorando per migliorare la situazione delle donne attraverso l'adozione di leggi e politiche a loro favorevoli. Una delle leggi più significative è stata l'approvazione della Moudawana, una riforma del codice di famiglia del 2004, che ha migliorato i diritti delle donne in molte aree, come il divorzio e la custodia dei figli.

Secondo USAID, il Marocco è al 141° posto su 149 paesi per partecipazione economica e opportunità delle donne.

 

Intraprendere un viaggio alla scoperta dell'Islam è solo l'inizio di un'avventura straordinaria. Le sette cose che hai appreso qui sono solo un assaggio delle molte sfaccettature affascinanti di questa religione e delle culture che essa abbraccia.


Continua a seguire Holilife per ulteriori curiosità di viaggio, consigli, e approfondimenti su culture affascinanti in giro per il pianeta.


Che il tuo prossimo destino ti porti in luoghi ancora più affascinanti e ti permetta di sperimentare la bellezza della diversità del nostro mondo.


Buon viaggio!




Comments


bottom of page